Torna a parlare il blog del Coordinamento Salviamo L'Ospedale Santa Lucia

Torna a parlare il blog del Coordinamento Salviamo L'Ospedale Santa Lucia

giovedì 2 ottobre 2014

Al Direttore Generale 
della Fondazione Santa Lucia
Al Direttore Sanitario 
della Fondazione Santa Lucia
Al Primario dell’U.O. 
6° piano – Ingresso B
Allo Staff Medico, Infermieristico e Ausiliario
del 6° piano – Ingresso B

Oggetto: SENTITI RINGRAZIAMENTI da parte della famiglia Cerquetani
Egregie Personalità in indirizzo,
sono Franco Cerquetani, fratello di Morena Cerquetani, ricoverata e purtroppo deceduta lo scorso 24 settembre alle ore 15.30 presso l’U.O. del 6° piano e scrivo questa lettera, in nome e per conto di noi tutti componenti della famiglia, al fine di ringraziarvi tutti per quanto da Voi espletato dal punto di vista sanitario, umano e solidale sia verso la nostra congiunta che, nei nostri confronti.
Oggi purtroppo, sempre più spesso, leggiamo o apprendiamo notizie riguardanti casi di malasanità, atteggiamenti scorretti da parte del personale medico o paramedico nei confronti dei pazienti, se non addirittura di casi riguardanti reparti che assomigliano più a lager che non a luoghi di cura.
E’ con orgoglio ed estrema soddisfazione che scriviamo questa lettera.
Lettera di ringraziamenti che, volentieri, avremmo preferito sostituire se fosse stato possibile, con un abbraccio singolo per ognuno di Voi.
Lettera che vuole dimostrare e confermare che in Italia non esiste soltanto il centro di eccellenza medica e di ricerca scientifica del Santa Lucia che tutti conoscono ma anche, e soprattutto, il grande centro d’umanità e solidarietà che opera per 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno sempre all’interno della stessa Fondazione.
Dal Primario, ai Medici, dalla Capo Sala al personale infermieristico, dal personale ausiliario agli addetti alle pulizie, abbiamo incontrato e conosciuto persone semplicemente e straordinariamente eccezionali.
Scorgere delle lacrime che scendono e bagnano le gote di persone che per le mansioni che espletano sono “abituate” a convivere quotidianamente con il dolore, ci ha reso più sereni rispetto alla perdita della nostra amata Morena.
Quelle lacrime versate dagli operatori sanitari ci hanno ancora di più convinto (anche se non c’era bisogno) che Morena non era stata “appoggiata” in una struttura sanitaria ma, considerata dagli stessi operatori come parte integrante della famiglia e comunità del Santa Lucia.
Concludiamo questa nostra lettera di ringraziamenti, anche se speriamo con tutto il cuore che non ve ne sia il bisogno, offrendo la nostra più completa disponibilità e solidarietà nel partecipare al vostro fianco, qualora qualche “benpensante” della politica pensasse con la scusa di “tagliare” i fondi a favore del Santa Lucia, di ripianare il deficit della sanità.
Le vostre iniziative di protesta, (sottolineando la speranza che non siate costretti ad intraprendere) saranno anche le nostre lotte, e questo ci sia consentito, per contribuire ad evitare che scelte politiche insulse possano mettere in pericolo la “vita” del Santa Lucia.
Tante persone di Roma, del Lazio e di tante regioni d’Italia che fanno riferimento al Santa Lucia per patologie invalidanti gravi e gravissime, non possono permettersi di vedere naufragare una grande realtà come quella della Fondazione Santa Lucia e di cui voi, e noi, ci sentiamo parte integrante.
Semplicemente GRAZIE dalla Famiglia e dai parenti tutti di Morena Cerquetani
Roma 30 settembre 2014